IVF Zentren Prof. Zech - Pilsen

Disposizioni di legge

← zurück zur Startseite

IVF Zentren Prof. Zech - Pilsen

Disposizioni di legge

Quadro giuridico per l’ovodonazione

Sussistono profonde differenze nei paesi europei tra le opzioni terapeutiche considerati utili dal punta di vista medico e le tecniche PMA consentite dalla legge. In merito a un tema delicato come la riproduzione assistita, l’attuazione delle disposizioni nelle normative nazionali dimostra la complessità della questione in termini di sfondo politico, storico, religioso, ideologico ed etico.

Idealmente, la legge in vigore si basa sui principi medici ed etici riconosciuti in linea con gli attuali sviluppi sociali, tendendo conto dello stato attuale della scienza e della tecnica.

Su tale base, sono in grado di offrire terapie FIVET con ovuli donati nel nostro Centro di Pilsen (Repubblica Ceca) e nei centri di Bregenz e Salisburgo (Austria). Attualmente, l’ovodonazione non è consentita in Germania e Svizzera (ottobre 2017).

Specifiche normative vigenti nei rispettivi paesi

Un chiaro “si” o “no”, spesso non è sufficiente per descrivere la situazione giuridica relativa all’ovodonazione. Ciò è dovuto alle differenti disposizioni specificate nelle leggi ed orientamenti nazionali, come anche nelle direttive dell’Unione Europea. Il modo in cui viene eseguita l’ovodonazione è di fondamentale importanza. A questo proposito, si distingue fra ovodonazione anonima e non anonima. Vi daremo due esempi:

Austria: Non anonima

Dal 2015, Austria ha una nuova normativa nell’ambito della medicina riproduttiva che consente la donazione di ovuli in forma anonima. Il legislatore prevede che, a partire da una determinata età, ogni bambino nato grazie a l’ovodonazione ha il diritto di ottenere informazioni sulla donatrice. Di conseguenza, sarà necessario rivelare l’identità della donatrice. In Austria, il centro FIVET dov’è stato effettuato il trattamento, è tenuto a divulgare le relative informazioni.

Repubblica Ceca: Anonima

Nei paesi in cui è consentita l’ovodonazione in forma anonima (come ad esempio la Repubblica Ceca), la legge vieta la divulgazione di informazioni sull’identità della donatrice, anche se vengono richiesti tali informazioni dalla donna ricevente o dal figlio (ciò è consentito dalla legge). I dati della donatrice sono trattati in maniera strettamente confidenziale e devono essere tenuti sotto chiave nel Centro FIVET.

Consulenza completa

Alla luce dell’esperienza acquistata nei Centri FIVET Prof. Zech – Pilsen nell’ambito dell’ovodonazione sottostà per legge all'anonimato reciproco, osserviamo una maggiore disponibilità alla donazione. Disponiamo quindi di un numero più elevato di donatrici. Questo aumenta ovviamente le possibilità delle coppie interessate di trovare una donatrice idonea. Ciò mette in luce l’importanza fondamentale di un’ampia consulenza con un medico specializzato al fine di valutare le opportunità e i rischi inerenti al trattamento, tenendo in considerazione gli specifici vantaggi e svantaggi connessi alle divergenze tra le legislazioni nazionali. Il medico formula una raccomandazione in base alla situazione clinica individuale. Spetta tuttavia alla coppia interessata decidere se ricorrere o meno al trattamento FIV con ovodinazione.